L’ultima avventura di Lupo Solitario

Ieri avevo finalmente completato il restyling al nostro blog, ci tenevo da un bel po’ a dargli un nuovo aspetto, e avevo deciso che oggi avrei pubblicato qualche articolo rimasto chiuso nel cassetto da diverso tempo.

Come molti appassionati di giochi della mia generazione sono stato totalmente rapito 89017147dalla letteratura fantasy leggendo, già da bambino, l’opera prima di J.R.R. Tolkien, Il Signore degli Anelli: per quanto però potesse coinvolgermi la meravigliosa storia descritta fra quelle righe, facevo fatica ad immedesimarmi nei suoi protagonisti.
Dopo qualche anno, ma ancor prima di innamorarmi perdutamente dei giochi di ruolo con i primi passi nell’universo di Dungeons & Dragons,  iniziai a vivere gli stessi racconti che leggevo, a divenirne io l’attore principale, a scegliere io come la storia si sarebbe evoluta.

E all’epoca non esistevano ancora i negozi specializzati in giochi di ruolo e di società come oggi, ve n’erano pochi che divenivano naturalmente dei luoghi d’incontro da cui era difficile allontanarsi e tornare a casa.
Allungando la mano verso gli scaffali di quei negozi potevo raggiungere i bellissimi libri-game, ogni lettura un’esperienza diversa, un’avventura diversa.lucca2015g-joedeverportrait

Joe Dever è stato sicuramente il più importante autore di libri-game oltre che una vera e propria istituzione del mondo ludico offrendo la sua esperienza e passione anche al mondo dei videogames.
Dopo anni di malattia, di cui solo le persone a lui più vicino erano a conoscenza, ci ha salutato.
E il mio pensiero di riconoscenza e gratitudine va a lui, per il segno che ha lasciato nella mia vita e in quella di molti altri che come me sono cresciuti con le sue opere.

Buon viaggio, Lupo Solitario.

Lascia un commento